Progetto “Lascia un libro, prendi un libro”

Vogliamo parlarvi di una splendida iniziativa di condivisione e scambio di libri.

Parte dalla Sicilia la prima rete nazionale italiana per il recupero e la condivisione gratuita
dei libri
, creata da Giuseppe Rapisarda. Un punto d’incontro tra le persone e la letteratura, un modo per avere un libro sempre a portata di mano, anche in ferramenta!.

“LASCIA UN LIBRO,  PRENDI UN LIBRO”

Circa 500 postazioni in 60 province italiane, per uno scambio di 150.000 libri!

A Belpasso, un paese alle falde dell’Etna, capita di entrare in un panificio e trovare dei libri
gratuiti che profumano del buon pane cotto nel forno a legna; cosi come può capita di
entrare in un bar e trovare dei libri gratuiti che profumano di vaniglia e di cioccolato,
oppure ancora entrare in una ferramenta e trovare uno scaffale di libri gratuiti. Può
sembrare fantasia ed invece è tutto vero.

Vige una sola regola: per prendere un libro, bisogna lasciarne un altro libro, nessuna

registrazione e nessuna tracciabilità, ne del lettore, ne del libro. Qualsiasi libro, tranne i testi scolastici.


Questo progetto si differenzia dal normale Book sharing, in quanto tutti i nostri libri sono
sempre protetti dai vandali e dalle intemperie, all’interno di locali di esercenti e/o di
associazioni, i quali, oltre a fungere da punti di condivisione, fungono anche da punti di recupero per chiunque volesse donare i libri di cui si vuole disfare. 

In tal modo si evita che dei libri finiscano al macero.
Recuperare e condividere, non significa soltanto recuperare qualche centinaio di grammi di carta, ma significa non consegnare al macero un veicolo del sapere.

 Per fabbricare la carta di quel libro, sono stati abbattuti degli alberi. Alberi che germogliavamo, fiorivano,
respiravano, si riproducevano, si nutrivano e nutrivano etc.
 La loro vita è stata sacrificata per diventare veicolo del nostro sapere. Recuperare e ridare vita ai libri, simbolicamente equivale a ridare vita ed onorare quegli alberi che sono stati abbattuti per fabbricare la carta di cui sono composti. E’, inoltre, anche un gesto dal grande potere simbolico, per stimolarci ad avere una maggiore sensibilizzazione ecologica nelle azioni di tutti i giorni.

 Questo progetto oltre ad educare al recupero ed al riciclo, insegna ai bambini a rispettare le postazioni dei libri, quindi il rispetto della cosa pubblica; sviluppa e diffonde il senso della solidarietà sociale.”

 

Il progetto sprona a togliere i libri impolverati dai cassetti, mettendoli a disposizione di tutti all’interno di luoghi che non siano biblioteche o librerie, dando poi la possibilità di prendere con sé un nuovo libro depositato da un’altra persona.

E’ anche un modo per iniziare a leggere, magari mentre la tinta dei capelli è in posa o si aspetta il commesso per essere serviti; di sicuro un buon romanzo supera di valore mille riviste patinate sature di pubblicità e notizie scialbe!.

 

“I progetti etici e di condivisione aiutano anche a creare o a rafforzare delle

relazioni sociali. Sviluppano delle attitudini verso il volontariato, l’altruismo ed il rispetto dei beni comuni. Questo progetto educa anche al recupero e al riciclo.”

Come si aderisce?
“Ci sono vari modi, a seconda del modo in cui si vuol aderire:
Per condividere un libro, basta andare in uno di questi punti di raccolta, lasciare il proprio
libro e prendere un altro; Volendo si può fare la sola donazione dei libri;
Per ospitare un punto di condivisione, basta mettersi in contatto con me (attraverso la
pagina facebook del progetto ) e mettere a disposizione una spazio iniziale di circa 50 cm,
su cui alloggiare una ventina di libri. L’importante è iniziare, dopo quasi sicuramente si
riceveranno delle donazioni di libri, tanti lettori donano i propri libri senza necessariamente ritirarne altri.
Il progetto è totalmente gratuito in ogni suo aspetto. Forniamo ampia ospitalità nella
nostra pagina, logo, cartellini e vetrografia.
I simpatizzanti possono condividere la nostra pagina facebook e/o i post delle nostre
iniziative. Spesso da una semplice condivisione nasce un nuovo punto libri.
 Noi dedichiamo a questo progetto la cosa più preziosa che abbiamo, …il nostro tempo”

Condividi il sedano

Leave a Reply